cop-tradueporte-F

Tra due porte

€16,00

ISBN 978-88-6278-073-5

«Sono isolato tra queste mura, confuso, disorientato, il tempo mi sputa in faccia una storia, brandelli di ricordi di una vita che ho vissuto e di cui non rammento assolutamente nulla. Con tutto me stesso voglio usare il mio tempo, non certo prezioso, per raccogliere i frammenti della mia storia e delle mie memorie, riordinarli, incollarli, collegarli gli uni agli altri, per liberarmi di questa confusione che mi soffoca e ricostruire tutta la mia vita. Voglio sapere perché mi trovo qui, cosa mi ha portato in questa cella, quale delitto ho commesso per meritare questa punizione. Tuttavia, somiglio a qualcuno che sta cercando di incollare i frammenti di una fotografia strappata in mille pezzi, o a qualcuno che tenta di risolvere un puzzle indecifrabile. Sono un uomo perduto, il puzzle rimane insolubile».

Bader Ahmed è un giornalista e scrittore yemenita nato nella provincia di Ibb (Yemen) nel 1978. Oltre a Tra due porte, ha al suo attivo altri due romanzi, Pioggia nera, del 2013 e I lupi non mangiano erba, del 2018. Le sue opere hanno ottenuto un ottimo successo di critica e pubblico nello Yemen e in tutto il mondo arabo. Attualmente, continua a vivere e a lavorare, con la moglie e i quattro bambini, nella sua terra devastata dalla guerra.

Descrizione prodotto

di Bader Ahmed

Un uomo si risveglia in un luogo chiuso e tenebroso, senza sapere dove si trovi. Si rende conto di stare in una prigione, un secondino gli porta regolarmente i pasti ma rifiuta di dargli informazioni. L’uomo non ricorda neppure il proprio nome, non rammenta nulla della propria vita. Da quanto tempo si trova là? E perché? La sua memoria è cancellata. Con il trascorrere del tempo, rischia di impazzire: brandelli di ricordi, ma anche deliri e fantasticherie invadono a tratti la sua mente, rapidi e devastanti come lampi. Un giorno, all’improvviso, un ricordo sensato lo assale: è il suo primo incontro con la morte, nella Beirut della guerra civile libanese, mentre è in compagnia della donna amata. Così il personaggio comincia a percorrere una lunga strada alla ricerca di sé, della propria storia. Non avendo nessuno con cui parlare, compone con i sassolini che trova sul pavimento della cella una figura umana, Anas. Al nuovo amico immaginario racconta quello che gli passa per la mente. Episodi nuovi affiorano continuamente dal pozzo della memoria, come alcuni eventi della guerra Iran-Iraq. Poi, il protagonista comincia a esplorare le crepe dei muri, osserva con interesse il via vai degli scarafaggi che entrano ed escono sempre dalla stessa crepa per mangiare il suo cibo! Si convince che la fenditura sia la via di fuga verso l’esterno: comincia a scavare disperatamente a mani nude, con il solo aiuto di un cucchiaio, seguendo il sentiero degli scarafaggi.  Compie così due difficili viaggi: quello verso la libertà e quello, ancora più arduo, verso il proprio passato. Tra due porte è un romanzo ricco, denso, che affronta il tema dell’identità e della ricerca di sé in modo innovativo e intrigante. Attraverso l’espediente della perdita della memoria, il protagonista inizia un viaggio nei meandri della propria mente e nelle ombre di un passato oscuro, sanguinoso. L’amnesia non è altro che il risultato di un profondo trauma psicologico: una tragedia durante l’infanzia, talmente insopportabile da essere cancellata dalla mente, seguita dalla costante partecipazione alle guerre di tutto il mondo arabo, dal Libano, alla Palestina, all’Iraq.

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Scrivi la prima recensione per “Tra due porte”